Autonomia

Il CEO di AutoNation insegue Tesla, confronta la società con uno 'schema Ponzi' e mente sui costi

- 11 aprile 2017 14:00 PT

Considerando la posizione di Tesla sulle vendite dirette di auto e AutoNation essendo il più grande rivenditore automobilistico negli Stati Uniti, non è esattamente sorprendente che il CEO di quest'ultimo non sarebbe entusiasta del primo - e questo è per dire poco.

Durante un discorso di oggi, il CEO di AutoNation Mike Jackson è arrivato al punto di confrontare la valutazione di Tesla con uno schema Ponzi e ha perpetuato una falsità che altri rappresentanti di case automobilistiche e concessionarie hanno fatto in passato - che Tesla vende veicoli sottocosto.



Alla NADA/J.D. Power Automotive Forum in vista del New York Auto Show di oggi, parlando della valutazione di Tesla che supera quella di GM, Jackson ha detto (tramite USAOggi ):

Tesla o è uno dei più grandi schemi Ponzi di tutti i tempi o funzionerà,

Si riferisce al fatto che Tesla continua a tornare sul mercato per raccogliere più soldi, non diversamente da uno schema Ponzi. Sebbene in uno schema Ponzi, non vi sia alcun prodotto o investimento effettivo, l'unico scopo dello schema è attirare più investitori per ripagare gli investitori precedenti, il che ovviamente non è il caso di Tesla.

Tesla ha registrato un fatturato di 7 miliardi di dollari l'anno scorso e ha consegnato 25.000 veicoli nell'ultimo trimestre. Possiamo discutere sulla sua valutazione, ma è sicuramente un vero business.

Ma poi Jackson ha fatto un passo avanti e ha mentito sui margini lordi di Tesla sul palco:

e-bike a doppia sospensione

Vendere veicoli con profitto sarebbe davvero impressionante. Regalare veicoli a un prezzo inferiore a quello che ti è costato realizzarli non è molto eccitante.

Questo è un punto di discussione su cui l'industria automobilistica spinge da anni sui veicoli elettrici: non c'è modo di realizzare un profitto sui veicoli elettrici e le case automobilistiche li fanno solo per i crediti di conformità.

Spesso usano Tesla come esempio e affermano che l'azienda sta vendendo i suoi veicoli sottocosto per spiegare le sue perdite, il che è ovviamente falso. Tesla ha un margine lordo positivo sui suoi veicoli da anni ormai e fino al 20% negli ultimi trimestri. Questo senza tenere conto dei crediti ZEV.

Tesla perde senza dubbio denaro nel complesso, ma è principalmente perché l'azienda sta investendo pesantemente nella sua crescita con la Gigafactory, la fabbrica di Fremont, i negozi, i centri di assistenza e i Supercharger.

Jackson lo ignora e paragona invece Tesla a GM, che ha anni di investimenti nella sua capacità dietro l'azienda:

Per un decennio, Tesla ci ha regalato l'auto del futuro: un'auto elettrica di lusso sexy, ad alte prestazioni, collegata in rete e ultimamente semi-autonoma. L'anno scorso, Chevy ci ha portato la nuova auto del futuro: relativamente economica, con prestazioni decenti, anche collegata in rete e, soprattutto, collegata a più modelli di business. Oh, ed è prodotto su vasta scala industriale negli Stati Uniti.

modelli usati o nuovi modelli 3

Naturalmente, il punto importante qui è collegato a più modelli di business, il che si traduce nel modello di business dei concessionari di automobili di AutoNation.

Sarà interessante vedere come il modello di business di Tesla si scontra con i grandi rivenditori automobilistici come AutoNation, soprattutto se si considera il fatto che Tesla è riuscita a mantenere gran parte della sua attività di auto usate.

FTC: Utilizziamo link di affiliazione automatica per guadagnare reddito. Di più.