Batteria-Stoccaggio

Il cavo sottomarino più lungo del mondo invierà energia pulita dal Marocco al Regno Unito

Michelle Lewis

- 27 settembre 2021 11:38 PT

Un parco solare ed eolico da 10,5 gigawatt (GW) sarà costruito nella regione marocchina di Guelmim-Oued Noun e fornirà energia pulita al Regno Unito tramite cavi sottomarini. I doppi cavi sottomarini ad alta tensione in corrente continua (HVDC) da 1,8 GW saranno i più lunghi del mondo.



Azienda di energie rinnovabili con sede nel Regno Unito Xlink è lo sviluppatore del progetto. Il progetto Xlinks Morocco-UK Power, come è noto, coprirà un'area di circa 579 miglia quadrate (1.500 chilometri quadrati) in Marocco e sarà collegato esclusivamente al Regno Unito tramite 2.361 miglia (3.800 km) di cavi sottomarini HVDC. Seguiranno il percorso in acque poco profonde dal Marocco al Regno Unito, passando per Spagna, Portogallo e Francia.

Il progetto costerà 21,9 miliardi di dollari. Xlinks costruirà 7 GW di solare e 3,5 GW di eolico, insieme a batterie in loco da 20 GWh/5 GW, in Marocco. Il cavo di trasmissione sarà composto da quattro cavi. Il primo cavo sarà attivo all'inizio del 2027 e gli altri tre dovrebbero essere lanciati nel 2029. È stato raggiunto un accordo con la National Grid per due connessioni da 1,8 GW ad Alverdiscott nel Devon.

Xlinks dice che il progetto per l'energia marocchino-britannico sarà in grado di alimentare ben 7 milioni di case nel Regno Unito entro il 2030. Una volta completato, il progetto sarà in grado di fornire l'8% del fabbisogno di elettricità della Gran Bretagna.

Perché il Marocco?

Perché andare fino in Nord Africa per il potere nel Regno Unito? In una parola, resilienza. Xlinks spiega:

Il Marocco beneficia di risorse solari ed eoliche ideali, necessarie per sviluppare progetti rinnovabili che potrebbero garantire una produzione di energia adeguata durante tutto l'anno. Ha il terzo GHI (Global Horizontal Irradiance) più alto del Nord Africa, che è del 20% superiore al GHI della Spagna e oltre il doppio di quello del Regno Unito. Inoltre, la giornata invernale più corta offre ancora più di 10 ore di luce solare. Questo aiuta a fornire profili di produzione che rispondono alle esigenze del mercato energetico del Regno Unito, specialmente durante i periodi di bassa produzione eolica offshore.

La generazione remota e l'interconnessione tra regioni geografiche distanti con sistemi meteorologici inversamente correlati saranno più efficaci nell'affrontare gli squilibri della domanda e dell'offerta su periodi di tempo più lunghi.

Xlinks osserva che i pannelli solari generano circa tre volte più energia in Marocco rispetto a quanto farebbero nel Regno Unito. Inoltre, i pannelli solari in Marocco genereranno fino a cinque volte più energia da gennaio a marzo rispetto a quelli del Regno Unito.

Si prevede che il progetto creerà quasi 10.000 posti di lavoro in Marocco, di cui 2.000 a tempo indeterminato.

Per saperne di più: Il Marocco ottiene il primo villaggio africano completamente solare

Foto: Fort Bou-Jerif - Aroussi, Sostantivo Guelmim-Oued, Marruecos di Antonio Marin Segovia è concesso in licenza sotto CC BY-NC-ND 2.0

FTC: Utilizziamo link di affiliazione automatica per guadagnare reddito. Di più.